Dolcetto o Scherzetto? Come scovare le Prede che non temono l'oscurità.



Non leggere attentamente questo articolo se non vuoi impegnarti a fondo nella comprensione dei meccanismi segreti che, nascosti tra parole intriganti, ti mostro.

Forse stai pensando "lo so già"... ad Halloween e a San Valentino è molto più facile rimorchiare.

Dimentica.

Dimentica la formula magica "lo so già": è un incantesimo malvagio che ti impedisce di imparare e soprattutto ricordare nuove e meravigliose cose. È la formula del pregiudizio, dello stereotipo, delle etichette preconfezionate.

Quando il mondo dei nonni era uguale per centinaia di anni a quello dei padri e a quello dei figli, era una formula valida. Come tutti i virus del pensiero, era nata con fini utili e buona intenzione. Economizzare il pensiero.

Ma ora dimentica.

Oggi qualsiasi conoscenza è in rapida obsolescenza, il mondo cambia di continuo.

"Lo so già" è, nei nostri giorni, una bara scomoda per la tua mente. Forse la tua fantasia non è così potente da dimenticare in un istante. O più probabilmente sì, e non ricordi come usarla. Non ricordi come dimenticare... Allora... potrai ricordare più forte: ogni volta che penserai "lo so già", ricorderai di provare un senso di possibilità e di meraviglia che ti porterà qualche centimetro più vicino allo schermo, pronto a prendere tutto ciò che ti è utile. Ricordi quando da bambino giocavi a vestirti come un poliziotto, un cow boy o un indiano e molto del tuo comportamento si adeguava al vestito, al ruolo? Che meraviglia... ricordi i ruoli che hai provato giocando? La sensazione del vento correndo, la sensazione dell'erba mentre rotolavi, la sensazione di essere quel personaggio anche per ore dopo averci giocato a lungo?

E quando entravi in un mondo di sorprese varcando il cancello di un parco giochi, ricordi come camminavi veloce meravigliato da tutti quei colori e quelle promesse? Ricordi l'odore del cibo, il rumore dei getti d'acqua che ti accoglievano in festa?

E ricordi dove volava la tua fantasia quando dovevi stare per forza seduto composto sul banco di scuola? La scuola è importante, ma eri più verosimilmente te stesso quando eri seduto composto o quando eri un campione di motocross correndo in bicicletta, o un ladro che scappava dalle guardie?

E se...

Mentre rivivi queste sensazioni, ti dicessi che siamo esseri in situazione, che l'ambiente e gli stimoli esterni cambiano molto, insieme al ruolo, il nostro comportamento, come un soffio di vento sposta una banderuola... Stai pensando "lo so già"? Sai quel che devi fare.

Una piccola parentesi: ti sei mai sentito in imbarazzo di fronte a una ragazza? Se anche a te capita di non sapere cosa dire a una donna, ti svelo un piccolo segreto: lo trovi qui

Allora capiresti che ad Halloween le situazioni ambientali e di ruolo sono un vento a favore... e che se ne approfitti per stare controvento, la banderuola girerà verso di te...

Scontato... ma solo se capisci esattamente, la direzione del vento.

E quello che è meno scontato... è che un domani potrei dirti che Halloween è soltanto un giorno come gli altri e che puoi ricreare le condizioni ambientali nella tua vita affinché tu possa decidere di soffiare quel vento a tuo comando, decidendo quando e come godere di quella banderuola, perché... Halloween non crea qualcosa che prima non c'era e dopo svanisce.

Al contrario, solleva un coperchio su qualcosa che prima era lì e dopo rimane in attesa di un altro momento in cui sia socialmente accettato farsi vedere.

E ora, scendiamo più in profondità nell'argomento. Quando la festa di halloween prese la forma moderna, con zucche intagliate ed usate come lanterne al posto delle rape usate in passato che simboleggiavano le anime in transito nel purgatorio, quando questa festa prese l'indirizzo del vestirsi in modi che ricordassero la morte, i demoni, la paura dell'aldilà...quando subentrarono sulla morte le connotazioni morali della religione cattolica, con tanto di inferno e paradiso per punire e premiare...

La gente come me e te aveva paura, come adesso, ma di cose diverse. Avevano paura che se non avessero praticato una castità violenta, le strade si sarebbero trasformate in raduni orgiastici, le persone non avrebbero fatto altro che fare sesso ovunque e in ogni momento, Gesù bambino avrebbe pianto e suo padre avrebbe lanciato cavallette per vendetta.

Oggi, persone moderne come me e te capiscono benissimo che praticare l'astinenza sessuale come rimedio contro il sesso è come proporre il digiuno come rimedio per la fame. E infatti, le persone facevano sesso. Ma di nascosto. E così... avevano una paura implacabile di essere destinati all'inferno, nella morte. E questo li rendeva schiavi della paura della morte e dei suoi simboli.

La festa che precedeva il giorno dei morti, della celebrazione dell'Ognissanti e della Commemorazione dei defunti, era così un momento in cui esorcizzare questa paura caricaturizzando la morte.

O ora, scendiamo più in profondità, facendo un balzo temporale.

La cultura culla della festa è cambiata, mentre vengono vendute zucche di plastica e pipistrelli da appendere al soffitto, le persone sono cambiate, insieme alle loro credenze e valori.

Ricorda, devi capire esattamente dove tira il vento, per poterlo sfruttare.

Oggi le ragazze non credono più in massa nei concetti morali di inferno e paradiso, di premi e punizioni post morte.

Molte sì, e se è per questo credono anche all'oroscopo e alla zingara che gli legge la mano.

Ma alcune sono state più attente alle elementari durante le ore di scienze, e alle medie hanno iniziato a formarsi idee di tenore più alto rispetto a babbo natale e Giona che visse nella balena.

A proposito, perché in prima media ti dicono che Babbo Natale non esiste, ma ti dicono che un tal Giona ha vissuto veramente per tre giorni nella pancia di una Balena sott'acqua? Mistero della fede.

Le molte ragazze che non credono in premi e punizioni dopo il trapasso, hanno però un nuovo nemico alla libera espressione della propria sessualità.

E se questo nemico in parte è biologico – non possono restare incinte del primo che gli fa un complimento –, in gran parte è quell'uso di condannare, additare, escludere, infamare, le ragazze che vogliono vivere sulla pelle le più belle emozioni. Lo fanno le altre donne per invidia, chiamandole troie, per escluderle dal gioco delle coppie.

Chi, infatti, si farebbe carico di una donna se la sua certezza della paternità fosse messa a così dura prova. E lo fanno molti maschi, convinti che esistano sante da sposare e puttane da portare a letto.

Credenza poco solida, ma dopotutto fiorita in un mondo che giace addormentato sulla credenza che uno schiavo abbia aperto il Mar Rosso con un bastone da pastore. E così... che cosa è successo?

Se prima a bloccare le donne era la paura della morte e dell'inferno, oggi a questa paura si è sostituita quella del sembrare delle zoccole.

Cominci a capire? :)

Se prima si vestivano da morti, fantasmi e streghe brutte e vecchie per esorcizzare la morte e l'inferno che temevano...

Oggi Halloween è diventato una scusa per potersi vestire in modo sexy e per potersi comportare di conseguenza, per gran parte delle ragazze, perché temono questa parte meravigliosa di sé quanto nell'800 le loro coetanee temevano l'inferno.

Oggi per molte è diventata un'occasione per lasciarsi andare, disinibirsi, liberarsi dal condizionamento sociale e fare cose normali, che in una società malata sembrano folli.

Come riconoscerle?

Bonus introduttivo di Halloween:

Bonus Audio di Halloween disponibile fino al 1 novembre, lo trovi qui

Ci sono alcune donne che ad Halloween si vestono in modo spaventoso e per nulla sexy.

- Sono quelle che temono l'inferno, anche nel nostro anno, il 35 D. ^'V'^
- Sono quelle che per età, fisico, o mancanza di bellezza non possono permettersi abiti sexy o non si sentono a loro agio mostrandosi.
- E sono quelle che hanno un fidanzato che ringhia terrorizzato se mettono una minigonna con le calze a rete.

E le altre, quelle che si vestono in modo sexy ed eventualmente addirittura si lasciano andare al dolce anonimato di una maschera?

Sono donne che per una notte saranno se stesse come quando sono in vacanza, e se sei abituato a corteggiare, sedurre, rimorchiare, donne calate sotto i loro coperchi come granitiche maschere sociali, ti servono una serie di abilità importanti, per ottenere il meglio da questa festa.

In realtà dovresti soltanto ricordarle, non avresti bisogno di imparare nulla, ma sono molti anni che vivi in un mondo denaturato, dove la primordiale e selvaggia natura femminile è nascosta e sei così abituato ad avere a che fare con maschere, che non sei più in grado di ricordare ciò che di più puro c'è in te per poter comunicare con ciò che di più puro c'è in loro.

Si racconta che L'orso impiegato nel film "L'Orso" dovesse girare una scena nella quale pesca un pesce da un torrente, qualcosa che ad ogni orso riesce naturale.

Ma lui, cresciuto in cattività e nutrito con secchi di pesci morti, non seppe farlo e ci vollero diversi giorni e diverse persone che dovettero insegnargli come fare, mostrandogli il gesto continuamente finché non provò ad imitarli.

Come quell'orso, l'uomo moderno denaturato è incapace di ricordare come relazionarsi al femminile vero, sessuale, sepolto sotto metri di immondizia culturale.

Forse un domani ti mostrerò come far vivere una donna in un Halloween perenne, ma prima devi imparare a predare opportunisticamente, quando queste occasioni si presentano già pronte alla porta.

E se adesso registrassi un Audio Bonus da allegare al Manuale Social Circle Dark Fascination Vol 1, con tutte le manovre che ti serve ricordare per pescare in quel torrente magnifico che è la vita quando scorre in superficie... e poi indicessi una vendita speciale fuori programma prima di Halloween... ?

Clicca qui, per scaricare i Report Gratuiti, così riceverai l'invito per la vendita esclusiva dedicata alle streghette in autoreggenti!

Trovi il .pdf Pillole di Seduzione gratis qui:
  Scopri Cosa Vogliono le Donne


Condividi:
Dì la tua Opinione!