dì a te stesso quello che vuoi, ascolta le tue emozioni durante l'azione



Nel precedente articolo abbiamo visto che il primo passo per migliorare è volerlo. Mettersi in gioco con la giusta apertura mentale e predisposizione all'ascolto sono le basi per ogni tipo di crescita personale. Ciò significa che dovrai mettere da parte il tuo scetticismo e testardaggine e iniziare a fidarti. Dovrai ascoltare metodi, idee e soluzioni che ti vengono proposti, PROVERAI tutto questo direttamente su te stesso, con convinzione e dedizione, senza arrenderti alla prima difficoltà.

Se non sei del tutto convinto, se non vuoi abbattere le tue idee limitanti, se vuoi continuare a vivere nella finta realtà che ti hanno raccontato, significa che non sei ancora pronto, i vari articoli in questa categoria risulteranno per te astratti e incredibili. Prenditi del tempo per te stesso e ritorna quando sarai disposto ad accettare nuovi pensieri e idee, diversi modi di vivere e nuove realtà.

Nello scorso articolo alcuni utenti mi hanno fatto domande, chiedendo alcuni chiarimenti sulla storia dell'Apprendista/Maestro/Saggio

Come puoi essere Saggio quando effettivamente non lo sei?
Una piccola parentesi: ti sei mai sentito in imbarazzo di fronte a una ragazza? Se anche a te capita di non sapere cosa dire a una donna, ti svelo un piccolo segreto: lo trovi qui

Aiuta gli altri con entusiasmo, pensa al loro bene prima del tuo, sii felice di esporre il tuo punto di vista. Stimola le persone ad aprirsi, ascoltale, aiutale a rendersi autonome e a migliorare. Per essere Saggio non hai bisogno di Sapere. Non si tratta di essere esperto in molte cose, si tratta di conoscere se stessi e scoprire gli altri.

"Il principiante è il vincitore finale in ogni cosa; è lui che prende il meglio dalla vita."
Gilbert Keith Chesterton (1874 – 1936)

Come puoi essere Saggio in qualcosa in cui sei un Maestro?
Smettila di dire a te stesso "avevo ragione" o "questo lo so già". Anziché concentrarti sulle informazioni che CREDI di sapere domandati cos'è che puoi imparare di nuovo sulla persona che hai di fronte. Puoi anche essere un esperto in tutto ma le esperienze di vita degli altri sono sempre un qualcosa di nuovo.

Come mantenere la calma in situazioni difficili? Come uscire da un circolo vizioso?
Devi cambiare alcuni parametri, rompere il cerchio, inizia rivolgendoti a te stesso in modo diverso. Fai in modo che vocina che senti nella tua testa sia incoraggiante e non demotivante. Dì a te stesso: "Tu sei in grado di farlo, l'hai già fatto in precedenza, riuscirai anche ora" piuttosto che "Sono uno sfigato, lei mi rifiuterà, è inutile provarci". Approfondimenti nel manuale Personalità Vincente e in questo articolo. Per rimanere in controllo oltre agli esercizi di respirazione e al training autogeno, devi accettare le tue emozioni e comprendere te stesso. Vuoi sfogarti? Non sentirti in colpa, va bene così, fallo (magari in palestra e non con le persone a cui tieni). In aggiunta cerca di capire per quale motivo reagisci così, da dove nasce quella rabbia, probabilmente sei insoddisfatto, qualcosa di cui hai bisogno ti manca o non è come vorresti, scopri cos'è e fai il possibile per cambiare e dare una svolta in positivo alla tua vita.

Come mettere in atto tutti questi concetti?
Cercare di ottenere il risultato sperato è un livello elementare di applicazione pratica. Abbiamo già visto che l'autostima va basata su altro e non sui feedback (altrimenti sarai sempre in balìa delle circostanze).
Agisci mantenendo la mente di un principiante: non rimproverarti per gli errori commessi, non ricercare la perfezione, sii contento di sbagliare e riprovare.
Godersi l'esperienza, vivere il momento questo è il punto chiave della soddisfazione personale. Il tuo mantra dovrebbe essere simile al seguente: "Del risultato me ne frego, è l'averci provato che mi rende felice."

Piuttosto che pensare al come mettere in pratica ogni concetto spiegato dai uno sguardo più approfondito a te stesso, chiediti di cosa hai bisogno per stare meglio, per ottenere soddisfazione, per essere felice, etc...
Qui di solito molti sbagliato dicendo a se stessi cosa NON vogliono "non voglio un lavoro pesante", "non voglio una ragazza rompiscatole" il nostro cervello comprende solo le affermazioni positive, scappare da quello che "non vuoi" non significa ottenere quello che desideri.
Soluzione: Prima pensa a ciò che vorresti e poi crea le tue affermazioni positive concrete es. "voglio diventare bravo a tennis per vincere il campionato, da oggi mi alleno ogni giorno", "mi applico con dedizione ogni giorno per imparare bene l'inglese, voglio poter viaggiare da solo entro 2 mesi", "dico qualcosa ad ogni ragazza carina che incrocio per strada" (di questo argomento ne abbiamo parlato in questo articolo e nel manuale Personalità Vincente)

Il miglioramento personale deriva dall'ascolto interiore attraverso gli eventi (non ripetendo frasi a memoria stando chiuso in casa): prenditi un momento per capire come ti senti ogni volta che ti tuffi in qualche Nuova Esperienza.

Se vuoi agevolarti e velocizzare questo compito, prendi del tempo per te stesso. Elimina le distrazioni, non ascoltare chi si lamenta sempre, armati di coraggio e fai qualcosa che non hai mai fatto. Poi dimmi come ti senti.

"Chi segue la massa non andrà mai incontro a nulla di nuovo. Chi si avventura da solo in luoghi inesplorati, ritroverà se stesso."

Ricorda che per crescere non hai bisogno di nozioni e risposte, devi solo iniziare a porti le giuste domande.

(...continua... clicca e leggi la terza parte dell'articolo)

Trovi il .pdf Pillole di Seduzione gratis qui:
  Scopri Cosa Vogliono le Donne


Condividi:
Dì la tua Opinione!